http://marcheseditore.com/files/gimgs/th-50_08_v2.jpg
 

La proibizione dell’incesto e le sue origini
Émile Durkheim

postfazione Vincenzo Rapone
saggio introduttivo di Andrea Bocchetti

Il tabù dell’incesto non cessa di interrogare la rappresentazione che l’uomo ha di sé stesso: a tutt’oggi la sua origine, la sua funzione, le finalità sociali che esso persegue non sono chiare. Perché le culture lo disciplinano in modo così diverso tra loro? Il ricorso alla biologia, oggi così in voga per spiegare tutto ciò che riguarda la costituzione dell’individuo nella società, si rivela sin dall’inizio insufficiente. Comparso prima di Totem e tabù di Freud e ora pubblicato per la prima volta in italiano, La proibizione dell’incesto (1897) rivela tutta la sua originalità: con questo contributo Durkheim relativizza la pretesa naturalità biologica del vincolo di parentela e spiega il tabù dell’incesto come effetto della più generale regola dell’esogamia.

formato: 18 x 11
pagine: 196
isbn: 978-88-903996-5-7
anno di pubblicazione: 2012
prezzo: 9,90 €

 

^^^^