http://marcheseditore.com/files/gimgs/th-44_05_v2.jpg
 


Le mammelle di Tiresia
(testo francese a fronte)

Guillaume Apollinaire

traduzione di Alessandra Ragosta
introduzione di Giuseppe Merlino
nota mitografica e cura di Antonio Petrossi

24 giugno 1917. In un teatro di Montmartre, finalmente, si rappresenta un testo di Apollinaire: Les Mamelles de Tirésias. Il dramma racconta in tre agitati movimenti, nello spazio di un sol giorno, e in versi duttili e recitabili, una trama fragile, allusiva e sorprendente. Thérèse, sposa insofferente, abbandona il Marito, uomo greve e prepotente; e per farsi strada nel mondo assume una identità maschile e vincente, lasciando volar via le mammelle, fonte di ogni debolezza, la parte superiore del corpo così sgonfiata induce quella inferiore a germogliare. Il Marito, lasciato a sé stesso, fa sbocciare una natura femminile e materna mettendo al mondo, in un solo giorno, 49.051 bambini. L’impressionante fecondità del poeta si travasa nella leggendaria prolificità del Marito fattosi puerpera seriale e madre ambiziosa e che acquisterà tanta grazia da toccare il cuore e i sensi di un autoritario e virile Gendarme. Gli innumerevoli neonati sono bambini-prodigio (è uno dei possibili modi di giocare con il tempo manipolandolo e, soprattutto, accorciandolo e condensandolo) di grande avvenire e di temibili appetiti, probabili, futuri nipotini di re Ubu!

formato: 21 x 14 cm
pagine: xxiv-136
isbn: 978-88-903996-1-9
anno di pubblicazione: 2009
prezzo: 7,00 €

 

^^^^